1. Il latte del bambino


    Data: 24/05/2019, Categorie: Etero Autore: ucsdfg, Fonte: EroticiRacconti

    Jacob era sul divano del Salone, quando vide Shine entrare nella stanza e sedersi accanto a lui. "La peste si è addormentata" sorrise lei. "A quanto pare è la mia presenza a tenerla sveglia" sbuffò Jacob. "Ho provato di tutto per farla dormire, ma niente" "Aveva solo fame. E dopo la sua cenetta si addormenta facilmente" Jacob rimase zitto un attimo, guardando il pavimento, per poi alzare uno sguardo imbronciato verso Shine. "Anche io voglio la mia cenetta" "Beh, ci dovrebbe essere qualcosa in frigo..." fece per alzarsi quando si sentì bloccare da una mano di Jacob sulla coscia. "Voglio la stessa cenetta che hai dato alla pulce" "Cosa?" il suo sguardo rivelava lo stupore che la voce aveva tentato di celare. Jacob rispose con un sorrisetto. Allungò una mano verso di lei, appoggiandola ad un suo fianco. "Credi si possa fare?" "Jacob, non sei esattamente un bambino" ridacchiò Shine mordicchiandosi un labbro. Lui la portò con la schiena contro il proprio petto, e avvicinò il viso ad un suo orecchio. "Non faresti questa prova per me?" sussurrò prima di morderle il lobo, dandole i brividi. Intuita la sua muta risposta, le tolse velocemente la maglietta, e scoprì con piacere che lei non aveva il reggiseno. Lasciandola seduta nell'angolo del divano, si alzò per poi sedersi fra le sue gambe, rivolto verso di lei. Cominciò ad accarezzarle i capezzoli con due dita, per poi stringerli dolcemente, fino a farli indurire. Shine emise un gemito quando sentì la lingua di Jacob sfiorarle il  seno. Lei gli mise una mano fra i capelli avvicinandolo a sé. Jacob leccò accuratamente tutto il capezzolo, per poi tracciare dei cerchi immaginari. Alzò un attimo lo sguardo verso il viso di Shine: la testa era abbandonata all'indietro, aveva gli occhi chiusi e le labbra socchiuse, dalle quali ogni tanto fuoriuscivano gemiti di piacere. Al momento che scelse come opportuno, Jacob prese un seno in mano e schiuse le labbra sul capezzolo. Lo circondò con la lingua ed iniziò a succhiare, subito ricompensato da un sonoro gemito. Passarono pochi secondi prima che Jacob sentisse un liquido caldo liberarsi nella sua bocca. Ingoiò il latte in un attimo e tornò a ciucciare il capezzolo indurito, dal quale subito uscì altro latte caldo. "Sei buonissima, come sempre" mormorò. Quando alzò la testa, vide che anche l'altro seno si era bagnato di latte, e non esitò per leccare via tutto. "Adesso ti va se ti faccio godere per bene?" sussurrò poggiando una mano sull'intimità di Shine, anche se da sopra i pantaloni. Lei gemette e annuì, ormai in preda all'eccitazione. Jacob le tolse pantaloni e slip, e si fiondò fra le sue gambe. La accarezzò trovandola già bagnata, e sentì irrigidirsi nei boxer il proprio membro. "Sei fradicia, lo sai? " Jacob si calò i boxer liberando l'erezione enorme che si era creata, e senza aspettare né intrattenerla con giochetti aprì le gambe a Shine e con una spinta secca scivolò dentro di lei. "Ahh" ansimò Shine, divaricando di più le gambe. Jacob iniziò a muoversi ...
«12»