1. Concitazione e scompiglio


    Data: 11/06/2019, Categorie: Etero Sensazioni Autore: Idraulico1999, Fonte: RaccontiMilu

    Esiste il fermento, l�inquietudine e la preoccupazione: ecco che cosa prova coscienziosamente di preciso stamattina, dopo aver sollevato le palpebre a seguito d�un sonno travagliato, pervaso pienamente di sogni angosciati e confusi, disordinati e strani, che attualmente non ricorda più se non per brevi sprazzi, sebbene qualcosa sia rimasto là dentro la mente che s�agita scuotendosi dentro cercando d�affiorare alla coscienza, mentre volge lo sguardo verso la finestra con quei vetri oscurati dai pesanti tendaggi. Lei solleva indolentemente la testa dal cuscino, mentre una mano con le dita aperte a modo di rastrello s�insinua tra i capelli, per il fatto che bada riflettendo già quanto lavoro oggi l�attenderà, dato che ieri ha dedicato ad altre faccende l�intera giornata, così vuole essere libera prima di sera per quel gioco.�Giochiamo?� - le aveva proposto lui, alla fine d�una delle loro lunghe e promettenti �parlantine notturne� nel corso delle quali si scambiavano pensieri, intime emozioni, reciproci e intensi stordimenti.Lei non aveva risposto, lasciandolo perciò nell�incertezza costringendolo a partecipare al gioco con assoluto e dispotico svantaggio, infatti lei conosce il suo aspetto per il fatto che ha ricevuto alcune foto, mentre lui &egrave interamente all�oscuro dei lineamenti di lei e d�ogni notizia che la riguardi, anche dei dati concernenti la sua età e la sua identità.�Dai, incontriamoci vicino al teatro stasera alle diciannove. Vediamo se sapremo riconoscerci.  Vuoi giocare così?�.Lei non aveva risposto, intrigante, malvagia e perfida com�era, perché al presente si butta nel lavoro con laboriosa sollecitudine saltando persino la colazione rimpiazzata celermente da una tazzina di caff&egrave, saltando pure il pranzo, giacché s�accontenta di sostituire il pranzo con delle mele sgranocchiate mentre scrive digitando incessantemente alla tastiera, consultando di tanto in tanto delle carte e degli appunti posti alla rinfusa sulla scrivania accanto. Lei esclude dalla mente ogni pensiero che non sia ciò che sta scrivendo, dal momento che prende sempre più consistenza e forma progettuale, ignora tralasciando automaticamente ogni stimolo esterno che la distrarrebbe deconcentrandola dal suo compito e meccanicamente risponde alle telefonate chiudendole al tempo stesso con comunicazioni d�inusitata e di straordinaria brevità. Diventano nel frattempo le diciotto del pomeriggio quasi senza rendersene conto, perché un fulmineo dolore acuto sotto la spalla destra dovuto alla tensione muscolare causata dalla concentrazione sul lavoro la interrompe in tal modo dalle sue personali mansioni.Adesso &egrave pronta, s�alza massaggiandosi leggermente la spalla, esegue qualche esercizio di rilassamento e si dirige verso il bagno preparandosi per uscire. La mente &egrave di nuovo in fermento, in palese subbuglio, l�uomo sta camminando spedito in piazza attraversandola di lato, lui &egrave alto, i capelli sono spruzzati di grigio, ha un aspetto distinto sebbene ...
«1234...»