1. Il terrazzo, tentazione per i miei amanti


    Data: 15/05/2019, Categorie: Trans Autore: angietrav, Fonte: Annunci69

    Il mio appartamento ha un terrazzo che corre per tutta la sua larghezza e che dà sulla facciata posteriore dell’edificio dove ci sono i giardini dei palazzi circostanti. Io sono al secondo di un edificio di 5 piani. Così dalle case vicine, anch’esse di 5 piani, possono vedere bene il mio terrazzo. L’appartamento ha grandi vetrate, porte finestre, una in soggiorno ed una in camera da letto. In estate, per il caldo, le tengo aperte, però quando ricevo i miei amanti, ovviamente chiudo le tende per non dare spettacolo.
    
    Bene, questo terrazzo è sempre la tentazione di alcuni amanti a cui piace l'esibizionismo, e lo spettacolo erotico che può originare dall’aprire le tende. C’è stato un amante che ha voluto che ci sedessimo su due sedie davanti alla finestra con le tende aperte ed io ho dovuto inginocchiarmi e succhiarlo: lì davanti a tutto il vicinato, in un tardo pomeriggio di estate. Altre volte, quando ricevo amici, o coppie o trav, terminiamo la serata fumandoci una sigaretta sul terrazzo, però vestite e senza troppi scandali, e immagino sembriamo amiche che frescheggiano. Comunque non ho mai avuto reclami o molestie dai vicini: sarà perché non mi hanno vista, oppure per riservatezza.
    
    Samir è un amico di origini marocchine, sempre allegro e molto gentile. Alto e secco, ed il suo cazzo è come lui: lungo (15 cm) ed esile (5 cm). Però lo usa molto bene, dura a lungo e mi tratta da vera signora. Gli piace scoparmi nuda: quindi quando arriva, di solito il pomeriggio sul tardi,  mi toglie il vestitino leggero, ed io, già senza slip, resto nuda, solo con le autoreggenti ed i miei fedeli tacchi da 10 cm. A Samir piace baciarmi e scoparmi a lungo ed in tutte le posizioni.
    
    Però la sua preferita è di fianco. Finalmente, come d’abitudine, mi viene in bocca, ed io con piacere gli bevo il nettare fino all’ultima goccia, lasciandolo perfettamente pulito.
    
    Quel giorno però indossavo una guêpière di pizzo nero e grigio e non me la tolsi, con quel che mi era costato metterla, è strettissima e definisce bene il giro vita. Mi piace e mi eccita vedermi.
    
    Samir voleva fare qualcosa di diverso, mi ha detto: “adesso lo facciamo da tutte le parti”, "sì va bene", dico io, "però non nel corridoio del condominio o nell’ascensore per favore", "non ti preoccupare" dice lui sorridendo, "resteremo in casa".
    
    Così Samir mi porta in cucina, mi aiuta ad appoggiare la gamba destra fin sul lavandino e mi scopa così da dietro, va e viene con ritmo deciso, e con gran piacere mio e della mia figa-anale ben lubrificata (gel vaginale alla banana). Poi ci spostiamo sul tavolo da pranzo, una delle mie posizioni preferite, io a 90 gradi con le mani e le spalle stese sul tavolo, gambe aperte e figa aperta pronta a ricevere: lui dietro che stantuffa ed io che gemo dal piacere. Adesso mi fa spostare sul divano, prima io a 90 gradi con le braccia appoggiate sulla spalliera e lui dietro che mi penetra duro e deciso; poi mi fa mettere a gattoni sulla seduta del divano e mi prende così ...
«123»