1. Ebano.


    Data: 25/05/2019, Categorie: Etero Autore: annamariasegreta, Fonte: RaccontiMilu

    Una trasferta all’estero per lavoro.So di essere fortunata. Di avere un lavoro molto impegnativo ma che amo.E che mi offre spesso queste opportunità.Questa volta poi è speciale.Perché sono nella città che più amo e in cui ho anche una casa tutta mia.E perché nel fine settimana mi raggiungerà Alice, mia figlia.Un week end lungo solo noi due.Parleremo molto e, come sempre, ci divertiremo molto e staremo bene insieme..Certo il programma della settimana è davvero molto impegnativo.Davvero molto lavoro.E anche una cena di lavoro. Noiosa come al solito.Qualcuno come al solito ci proverà. E come al solito riceverà un cortese ma fermo rifiuto.Non mischio mai il lavoro con il sesso.Ormai è noto a tutti coloro che frequento abitualmente per lavoro.La fama della “donna frigida” ormai è consolidata.Ma in questi viaggi qualcuno che ci prova compare sempre.Al rientro dalla cena sono esausta.Mi addormento praticamente all’istante.Avrei bisogno di dormire a lungo, ma il mattino successivo la sveglia fa tutto il suo dovere e suona con il consueto anticipo.Adoro prepararmi un te e portarmelo a letto.Adoro iniziare la giornata molto lentamente.Guardo la posta e i giornali.Poi apro la mailbox segreta, ripensando vagamente al ragazzo con cui ho giocato via mail negli ultimi giorni.Uno dei soliti flirt che nascono in rete.Che raramente - per me almeno - si trasformano in qualcosa d’altro.Ma che hanno il potere di eccitarmi e darmi piacere.C’è una mail sua, della sera precedente che non ho ancora  visto.La apro.“ … ti sto immaginando a quella cena…immagino gli sguardi dei tuoi colleghi sulle tue labbra…nella tua scollatura…sulle tue autoreggenti accavallate sotto il tavolo…vorrei essere li e ammirarti mentre gli altri fanno a gara a chi ti porterà a letto mentre tu maliziosa li lasci cuocere a puntino per poi lasciarli a bocca asciutta perché sai che quando salirai in camera troverai me.. “Sorrido lusingata. E inizio a seguire col pensiero la fantasia che ho appena letto.Piacevole. Intrigante.La scaccio infilandomi sotto la doccia.Ma poco dopo mi ritorna in testa. Prepotente.L’acqua della doccia fa il resto. La mia voglia di sesso non può essere contenuta.Immagino un rientro a casa con lui ad aspettarmi…Con lui nudo nel mio letto…Immagino la foga con cui mi avrebbe spogliata.. le sue mani …la sua bocca…Inizio a toccarmi … I capezzoli, la pancia, il mio clitoride gonfio di voglia…Inizio a sgrillettarmi. A masturbarmi sempre più freneticamente.Con l’acqua che bagnava il mio corpo fremente … e le mie dita che riempivano la mia fica ancora più bagnata…Vengo dopo pochissimo. La schiena appoggiata al muro. Una gamba alzata.E due dita che simulano il cazzo di cui avrei bisogno.Mi ricompongo.Finisco la doccia e mi preparo.In taxi sorrido ad una giornata che in fondo è iniziata proprio bene.Appena arrivata al lavoro apro la mail segreta e lo ritrovo lì.Curioso e insistente.Dopo pochi scambi gli racconto cosa è successo.Quanto mi ha eccitata la sua fantasia.Quanto ho goduto da ...
«123»