1. Alvaro … e i suoi amici del gruppo ---- il termine della serata


    Data: 12/11/2019, Categorie: Gay / Bisex Autore: Alvertn, Fonte: Annunci69

    ALVARO … E I SUOI AMICI DEL GRUPPO ---- IL TERMINE DELLA SERATA
    
    Piacevole spompinare cazzi di queste dimensioni, passarli uno dopo l’altro senza farli sborrare e sentire il godere dei rispettivi proprietari, ma mentre lo hai in bocca lui è convinto di possederti ma sei tu che possiedi lui, ti ha dato il punto più debole del corpo in bocca ed è alla tua mercè.
    
    Finito di fare un buon servizio anche al quinto, ruoto per tornate in posizione e riprendere dal primo.
    
    Mi prendono per le ascelle e mi fanno alzare. Mi spostano a raggiungere una specie di tavolino, con il piano imbottito e leggermente alzato sui bordi laterali, diciamo un fasciatoio per bimbi ma in grande. Il tavolino non ha grandi dimensioni. Mi fanno sdraiare sopra di schiena, tenendo la pancia sopra, ma è corto e la testa cade fuori e le chiappe appoggino appena. Mi sistemo e mi aiutano a trovare una posizione comoda. In due si posizionano lateralmente alla testa, uno fra le gambe, i due rimasti a fianco del torace.
    
    Osservo incuriosito e cerco di capire come intendono procedere. Quelle fra le gambe me le alza e i due laterali mi prendono per le caviglie e mi fanno stare con il culo leggermente alzato. Quindi abbandona le mie gambe e si mette a leccarmi e succhiarmi il culo, il buchetto, passandolo con lingua, labbra e dita per prepararlo alla sua entrata. E vista la dimensione dei cazzi è opportuno che mi lavorino bene per dilatarlo in modo che non senta dolore. E abile di bocca e lingua, esperto con le dita, entra e divarica l’orefizio di ingresso forzandolo poco alla volta ma in continuazione, e passa la lingua che ora entra e mi fa impazzire di piacere.
    
    Intanto i due a lato della testa mi invitano a succhiargli il cazzo, semplicemente lo mettono sul viso e lo sbattono sulle guance o labbra. Inizio a leccarne uno mentre l’altro si struscia sulla guancia naso occhio. I due cazzi che ho vicino non sono quello con la cappellona grande.
    
    Spero non sia il primo a scoparmi, lo speri ardentemente. Mi lascio leccare e succhiare il culo, godendo di quanto fa e desidera farmi, mi succhio il cazzo con gusto e aspetto che siano loro due a dettarmi i tempi per l’alternanza. I due che mi stanno tenendo ogni uno una gamba si divertono a palparmi cazzo e palle, lasciandole al leccatore quando dal buco sale a godersi i miei testicoli.
    
    Il cazzone che succhio viene a scoparmi con dolcezza, non affonda ma prosegue con un bel ritmo e la sua cappella esce sino alle labbra e poi torna dentro abbondantemente ma non sino in fondo. Mi soffocherebbe
    
    La lingua e la bocca e le dita abbandonano il mio culo, si alza in piedi e posiziona la cappella fra le chiappe, la fa scivolare su e giù per farmi sentire quanto sia duro e possente, su e giù per farmi sognare, su e giù per farmi desiderare.
    
    Ora si posiziona, il buchetto dilatato accoglie la cappella, una parte è subito dentro, i bordi sono allargati e elastici per il trattamento che mi ha fatto. Adesso si ferma, i due mettono le mie gambe ...
«1234»