1. Giorgia: poetessa, scrittrice, sceneggiatrice la discesa verso l'abisso


    Data: 13/02/2020, Categorie: Etero Sesso di Gruppo Lesbo Dominazione / BDSM Autore: padrone29, Fonte: RaccontiMilu

    chi mi vuole contattare può scrivere a padrone29@gmail.com Giorgia è una poetessa, scrittrice, sceneggiatrice genovese che abita vicino a Rimini, il suo sogno è di poter scrivere un grande romanzo di cui fare una trasposizione cinematrografica per una delle più grandi Major americane, per il momento però è riuscita solo farsi pubblicare i suoi racconti da case editrici di secondo piano e a scrivere sceneggiature per fiction di non grande diffusione. La sua vita procede in modo abbastanza monotono, anche se condivide la passione per la scrittura con suo marito Giacomo dal quale ha avuto due figli. Nonostante le due gravidanze Giorgia è ancora una bella donna, piacente che fa ancora voltare gli uomini quando passa per strada, è alta circa un 1,72 occhi e capelli scuri molto lunghi, un seno molto abbondante che sfiora la sesta misura. Presto però succederà un avvenimento piuttosto banale, ma gravido di conseguenze per la sua vita, ma anche per quella di suo marito: vedendo un servizio televisivo sulla mostra del cinema di Venezia viene intervistato un produttore cinematografico, che è una persona che conosce molto bene essendo stato durante il liceo uno dei suoi tanti pretendenti, anche se sarebbe più esatto dire che era in piena tempesta ormonale quando la vedeva, e che era stato sempre trattato piuttosto male da lei. Capì subito che entrarci in contatto avrebbe potuto essere l’occasione della sua vita, anche se il problema era capire come avrebbe potuto farlo. La mattina successiva pensò di cominciare a telefonare a tutte le compagne e i compagni di liceo di cui aveva conservato il numero, ma nessuno aveva tenuto i contatti con la persona in questione. Giorgia però era molto determinata ed era molto pesante e insistente nel chiedere alle varie persone se conoscevano qualcuno che aveva mantenuto qualche contatto conil produttore ex compagno di classe. Dopo qualche giorno di telefonate a vuoto riuscì a trovare qualcuno che aveva mantenuto i contatti con la sorella cosa che la rese felicissima, forse l’opportunità della sua vita era arrivata. Giorgia chiamò la sorella cercando di adularla il più possibile, dicendole che andava a scuola insieme a suo fratello, della sua grande passione per la scrittura sia di racconti, che di romanzi e sceneggiature e che voleva fargliele arrivare perché potesse dare un giudizio. La donna, però inizialmente la gelò in quanto si ricordava come Giorgia aveva trattato suo fratello, ma che se le avesse consegnato i suoi lavori con un contatto telefonico gli avrebbe fatti giungere al fratello, che l’avrebbe contattata in caso di suo interesse. Dopo aver consegnato i suoi lavori alla donna, per qualche settimana non sentì più nulla fino a perdere qualsiasi speranza e maledicendosi per come l’aveva trattato quando erano a scuola: da sfigato, brutto, incapace e ridicollizandolo facendo battute sulla sua virilità. Un giorno però ricevette una chiamata di quella che si rivelò essere la segretaria dell’uomo che le indicava ...
«123»