1. L'estro amoroso - cap 1: Una proposta indecente


    Data: 24/05/2019, Categorie: Etero Autore: Roca, Fonte: EroticiRacconti

    a1) Una proposta indecente Etero >>> a1) Una proposta indecente by Anatole | | Una proposta indecente. Tutto ebbe inizio un pomeriggio di metà giugno, il caldo non accennava a diminuire malgrado l'estate fosse appena cominciata. Seduto nel dehors di un caffè guardavo i passanti deviare dal loro cammino per entrare nell'ombra dei tigli sotto i quali erano disposti i tavolini. La brezza leggera faceva sperare in una serata più fresca, sorseggiando una bibita osservavo le ragazze per lo più studentesse che il calore di quel tardo pomeriggio faceva camminare con un languore che ispirava in me dei pensieri non del tutto morigerati. Era naturale che in cima ai miei pensieri vi fosse la donna, avevo ventidue anni e alla mia età il sangue bolle, e poi. . . Ad un certo punto notai una coppia a dir poco singolare seduta ad un tavolino dall'altra parte del dehors; l'uomo era vicino alla sessantina, in quanto alla donna, beh, era una bellezza di tipo nordico, alta, dal corpo statuario, di quelle che fanno sognare cose proibite. Malgrado il caldo, era fasciata in un tailleur stretto dal taglio maschile come quelli che portano le lesbiche. Anche il taglio dei capelli faceva pensare ad una lesbica, di un biondo platinato, lasciavano scoperte le orecchie, il viso era severo, non bello e malgrado fosse del tutto regolare l'espressione era quasi crudele, fredda e contrastava col resto della sua persona. Vedendo che i due mi stavano osservando provai un disagio che si accentuò quando la  coppia alzandosi si diresse al mio tavolino. - Aspetta qualcuno giovanotto? Chiese l'uomo. - No. Risposi sorpreso. - Allora permette? Chiese ancora indicando le sedie. Si sedettero, mentre l'uomo si voltava a fare le ordinazioni la donna mi scrutava silenziosamente con occhi verdi bellissimi che mettevano a disagio. Parlò infine: - Studente? Chiese con voce calda. - No, sono impiegato. I due si guardarono poi: - Penso che potrebbe andar bene! Disse infine la donna. - E' impegnato da ora a. . . diciamo mezzanotte? Era stato l'uomo a parlare mentre la bionda continuava a fissarmi quasi stesse valutandomi. - Perché? Chiesi sorpreso. Fu la donna a rispondere con un'altra domanda: - Le andrebbe di fare sesso? Sussultai spostando lo sguardo da uno all'altro dei miei strani interlocutori, mio malgrado mi sorpresi a considerare la possibilità di un accoppiamento a tre come avevo visto in qualche pellicola hard, la donna era talmente eccitante che pur di averla avrei sopportato volentieri di dividerla con quel vecchio. La mia espressione doveva essere eloquente perchè la donna rise. - Cos'ha capito? Con una ragazza della sua età! Precisò. - Perché? Chiesi ancora. - Perché ne ha bisogno. . . allora? La proposta era giunta talmente inattesa che rimasi muto, incapace di dire una parola, la donna sbottò improvvisamente impaziente. - Si decida, non abbiamo molto tempo! - Si. . . La sillaba uscì da sola dalle mie labbra. - Andiamo, Helga la riaccompagnerà, naturalmente sarà ricompensato. L'uomo ...
«1234...9»