1. Come due perle


    Data: 10/09/2019, Categorie: Etero Sensazioni Autore: Idraulico1999, Fonte: RaccontiMilu

    �Vedi che roba, ma guardale un attimo. Ti rendi conto?�.�Ogni giorno che passa diventano di continuo più fighe e stuzzicanti�.�Di� un po�, sono insieme anche questa mattina?�.�Non lo sai? Loro sono sempre insieme, girano simultaneamente�.�Io la penso malgrado ciò di continuo allo stesso modo� - farfugliò contrariato Paolo, per quello spettegolare avventato, ingenuo e sempliciotto attorno al distributore del caff&egrave.�Ancora con questa storia, adesso basta� - aggiunse Ignazio, con il preciso e solerte intendimento di zittirlo disapprovando:�Adesso hai seriamente rotto il cazzo�.�Dai, se non sono lesbiche quelle vorrei sapere realmente chi lo &egrave�.�Sappi una cosa: tanto per cominciare Cristina e Valeria sono sorelle� - s�intromise il terzo ragazzo, sebbene abbiano caratteri, doti e qualità differenti.�Precisamente, Cristina e Valeria sono sorelle� - ribatté fermamente Ignazio, però l�altro scrollando energicamente le spalle aggiunse:�Non me ne frega un cazzo di Cristina né di Valeria. Io vi dico che quelle due sono lesbiche, se non lo capite sono cazzi vostri� - si sfogò infine Paolo, stufo di non essere ascoltato né preso sul serio.Appoggiato alla ringhiera Franco levò nel frattempo gli ormeggi da quell�ennesima e inutile conversazione per dedicarsi completamente a quanto davvero gli stava a cuore, all�unico motivo per il quale si svegliava la mattina presto alle quattro. Non coinvolto ed estraneo al mondo delle voci, si dedicò unicamente cercando di scrutare fra la  folla al pian terreno per focalizzarla meglio che poteva, perché lei adesso era lì, nitida come lo sono solamente le cose vere o talvolta pure i sogni. Quei capelli rossi luccicanti sotto la luce artificiale dei neon, mescolata a quella chiara dal mattino, con i seni sodi che dall�alto avevano la perfetta forma di due mele, dal momento che lui ne individuava chiaramente ravvisandone il solco profondo di quell�attraente e delizioso avvallamento. Con gli occhi la seguì salire su per le scale, visto che quelle natiche avvenenti di gioventù ed esercizio si muovevano come i piatti della bilancia, fasciate dai veli della cortissima gonna. Era così sfacciata da mostrarsi in quel modo in un pentolone ribollente di ormoni, a ottobre per giunta, quando qualunque altra gamba &egrave coperta, eppure lei era così bella e seducente. Erano stati questi due episodi ad averlo infatti attratto già quel tempo lontano, quell�unione complementare deliziosa e sfacciata, ma se fosse stata solamente l�una o l�altra cosa probabilmente non avrebbe funzionato, poiché quasi certamente avrebbe continuato a non trovare che le ragazze fossero piacevoli, in quanto avrebbe continuato a preferire le alternative dei videogiochi.Lei era impertinente e talvolta svergognata, perché decideva qualunque cosa da sola senza alcun coinvolgimento né implicazione esterna, estranea ai principi, assente addirittura al corso del tempo. Le stagioni dovevano adeguarsi al suo ritmo, piegarsi ai suoi desideri e se lei voleva ...
«1234...7»