1. La gogna (2)


    Data: 11/09/2019, Categorie: Gay / Bisex Autore: crigio, Fonte: Annunci69

    Pino mi trascina verso la tenda e, scostandola un po’, mi fa vedere chi è il nuovo oggetto delle attenzioni dell’energumeno peloso.
    
    “Mio Dio! Ma non è Enzo quello?”, chiedo stupito.
    
    “Eh già!”, mi risponde il mio amico. “Voleva fare qualcosa di trasgressivo, come al solito, e allora gli ho proposto qualcosa che normalmente né io né lui avremmo mai fatto: farci sbattere da un tipo orrendo, ma con un cazzo spaventoso!”. E infatti, da quella posizione riesco solo ora a vedere che cosa spunta tra le cosce dello stallone. Anche quando ci ha tagliato la strada poco fa non ci avevo fatto caso, ma adesso il mio sguardo si sofferma su quella proboscide immane.
    
    “Porca puttana! Ma come hai fatto a prenderlo?”, chiedo ancora a Pino.
    
    “Non lo so. Forse la situazione particolare mi ha eccitato più del solito e il mio sfintere ha ceduto più facilmente, proprio come sta facendo quello di Enzo”. Gli occhi della puttanella sembrano voler sgusciare fuori dalle orbite ad ogni affondo che riceve e la sua pelle liscia e bianca come il latte contrasta nettamente con quella scura e coperta di pelo del suo boia. Anche lui è imprigionato nella gogna ed impossibilitato a muoversi, e sta subendo i colpi del suo aguzzino senza potersi sottrarre.
    
    “Non sapevamo esattamente chi ci avrebbe scopato, ma solo che era molto brutto. Abbiamo chattato un po’ su internet e ci siamo dati appuntamento qui”, precisa il biondino.
    
    “Ehi, amore!”, mi volto verso Enrico chiamandolo perché ci raggiunga.  “Hai visto chi si sta facendo sfondare dallo scimmione? E’ Enzo, quel ragazzino che ti sei fatto non molto tempo fa!”, e, incuriosito, corre a spiare dalla tenda.
    
    “Merda! Ma lo rovinerà così!”, sbotta il gigantone, mentre l’energumeno sbraga gli intestini di Enzo senza risparmiarsi. Intanto, la folla in sala incita lo stallone a darci dentro e quello non si fa certo pregare. Con un violento strattone priva la troietta della sua minchia e le ginocchia di quella tremano e si piegano. Il tipo lo ritira su e si inginocchia affondando la faccia tra quella chiappette normalmente pallide, ma ora rosse per i colpi di bacini subiti.
    
    Non appena la lingua si apre un varco nella rosellina, Enzo emette un altro terribile urlo ed il suo corpicino comincia a vibrare e la sua pelle ad accapponarsi.
    
    “Godo! Gooooodooooooooooooo!!!”, rantola. Lo scimmione si scosta un momento dal suo culo e l’anellino si dilata a dismisura. Un rivolo di liquido vischioso fuoriesce dal budello, corre giù per lo scroto, si stacca e si infrange sul pavimento. Il boia, rapido, incolla di nuovo le labbra al buco e succhia il resto degli umori di Enzo. Poi si alza e si asciuga il muso col dorso della mano.
    
    “Ora sei pronto per la grande cavalcata, puttana!”, dice con voce cavernosa l’energumeno, insultando il nostro amichetto. Con un colpo di reni preciso e profondo, pianta la sua mazza nelle viscere di Enzo, che, colto di sorpresa, si irrigidisce e smette di respirare. “Sì! Ora scorre ch’è una bellezza!”, ...
«1234»